Utile e liquidità sono due cose ben diverse

Spesso capita che l’imprenditore non riesca a spiegarsi come mai la sua azienda chiuda con utili alti ma il conto corrente è sempre (o quasi) a zero (mancanza di liquidità).

Confondere l’utile con la liquidità è un equivoco molto diffuso che può avere delle conseguenze molto pericolose. Scopriamo assieme come questi due termini siano molto diversi.

Cos’è l’utile

L’utile è la differenza tra i ricavi e i costi sostenuti in un certo periodo, senza contare né l’effettivo incasso dei ricavi per le fatture emesse tantomeno l’effettivo pagamento dei costi per le fatture ricevute.

Cos’è la liquidità

La liquidità rappresenta la capacità dell’impresa di ripagare nel breve periodo i propri debiti. Anche se questo parametro è strettamente collegato al fatturato, non è detto che ad un fatturato alto corrisponda una liquidità alta.

Ne deriva altresì che, in linea teorica, in un ambito in cui non esistono dilazioni di pagamento, le fatture emesse e ricevute vengono immediatamente onorate, non vengono fatte scorte, non vengono accesi o rimborsati prestiti e gli utili non vengono prelevati, la liquidità e l’utile tenderanno a coincidere.

E’ quindi evidente come la frase “il fatturato è vanità, l’utile di esercizio è ragionevolezza, la cassa è realtà” sia vera.

Facciamo un esempio

Supponiamo che l’azienda XYZ vende per euro 100.000 e sostiene costi per euro 60.000. Essendo l’utile, la differenza tra le vendite e i costi, l’azienda XYZ determina un utile di euro 40.000 (100.000 – 60.000 = 40.000).

1° Ipotesi: L’azienda XYZ ha incassato tutto quello che ha venduto e ha pagato tutti i propri fornitori. In questa situazione quello che le rimane di liquidità è euro 40.000 (incassato 100.000, pagato 60.000 rimane 40.000), pertanto utile e liquidità coincidono.

2° Ipotesi: : L’azienda XYZ ha incassato solo una parte di quello che ha venduto, es. ha incassato 80.000 anziché 100.000  (alcuni clienti hanno chiesto una dilazione) ma ha pagato tutti i propri fornitori. In questa situazione quello che le rimane di liquidità è euro 20.000 (incassato   80.000, pagato 60.000 rimane 20.000). In questo caso utile e liquidità non coincidono.

ARTICOLI CORRELATI

Crisi covid-19: valutazione impatto economico finanziario

Coronavirus, perdita di liquidità e l’importanza della Pianificazione finanziaria L’emergenza sanitaria e le misure attuate per contenere ...

Leggi tutto

Conviene finanziarsi con il capitale proprio o indebitarsi? Qual e’ il mix ottimale tra fonti interne e fonti esterne di finanziamento?

Le due fonti di finanziamento per l’impresa sono quelle del capitale proprio, costituito dai conferimenti in denaro o in natura che ...

Leggi tutto

Come rimediare agli errori che generano la crisi di liquidita’ aziendale

La liquidità aziendale rappresenta la capacità di un’impresa di produrre denaro tramite gli incassi dei crediti, per far fronte ai pagamenti dei ...

Leggi tutto

Utile e liquidità sono due cose ben diverse

Spesso capita che l’imprenditore non riesca a spiegarsi come mai la sua azienda chiuda con utili alti ma il conto corrente è sempre (o quasi) a ...

Leggi tutto

I “Perchè’” nel utilizzare il controllo di gestione

Molto spesso le aziende di piccole o medie dimensioni sono concentrate sul fatturato. L’obiettivo dell’imprenditore, in questi casi, è rivolto ...

Leggi tutto

Marca da bollo sulle fatture elettroniche

MARCA DA BOLLO SULLE FATTURE ELETTRONICHE   A seguito dell’introduzione della fattura elettronica, si riportano di seguito alcuni ...

Leggi tutto

CONTATTACI